Come scegliere la giusta cucina: i consigli dell’esperto

By superadmin 12 mesi ago
Home  /  Blog  /  Come scegliere la giusta cucina: i consigli dell’esperto
cucina isola

Esistono diverse tipologie di investimento.
L’acquisto di una nuova cucina è uno di queste.
Ecco perché non bisogna mai avere fretta! Si tratta di una scelta da fare con calma, con molta attenzione, valutando tutti i pro e contro, sulla base delle proprie esigenze e disponibilità, economiche e di spazio.
Sicuramente, può essere utile affidarsi a progettisti e designer, la cui esperienza e conoscenza in termini di materiali, illuminazione e arredo supera di gran lunga la nostra: il loro lavoro consiste proprio nel trovare soluzioni di design personalizzate in grado di valorizzare ogni tipo di ambiente e di soddisfare anche i clienti più esigenti.
L’importante è trovare un equilibrio tra funzionalità ed estetica, comfort e stile.
La cucina ideale è comoda, calda, confortevole: un ambiente in grado di comunicare gusto e personalità, ma anche capace di resistere a lungo nel tempo, riducendo al minimo i consumi e gli sprechi (sotto il profilo del consumo energetico, la cucina è il luogo per eccellenza più dispendioso della casa).
L’investimento, dunque, è grande.
Ecco alcuni consigli per scegliere e arredare la tua nuova cucina.

COME SCEGLIERE LA GIUSTA CUCINA: I CONSIGLI DELL’ESPERTO

Essendo l’ambiente in assoluto più vissuto della casa, la cucina deve essere progettata per durare nel tempo, almeno dieci anni. A differenza di un complemento di arredo, o della camera da letto, infatti, non la si cambia tanto spesso.
I fattori da considerare per scegliere la giusta cucina sono tanti, dai piani di appoggio ai materiali.
Vediamoli insieme.

Il budget
Il primo fattore da tenere a mente è il budget: quanto si vuole (o ci si può permettere di) investire nell’acquisto di una nuova cucina o nella ristrutturazione di un modello già esistente.
Sulla base della disponibilità economica del cliente, il Consulente di fiducia elabora un percorso di progettazione personalizzato, che include render 3D delle soluzioni selezionate e preventivo gratuito.
Le soluzioni proposte, dal modello ai complementi di arredo, dai materiali alle rifiniture, passando per gli elettrodomestici, saranno in linea con le esigenze di spesa e su misura per il Cliente.



Il gusto
Il secondo aspetto da considerare è lo stile personale.
La cucina è l’ambiente più vissuto della casa, e che più a lungo dura nel tempo. Deve piacere, ovvio no?
La scelta della cucina deve quindi essere guidata dal proprio gusto (mai lasciarsi troppo influenzare dagli altri, soprattutto dai parenti) e deve riflettere la propria personalità, sensibilità e senso estetico: in altre parole, trasmettere un forte senso di identità.
Dunque, è bene farsi consigliare da amici e parenti, così come richiedere il parere di un esperto, ma la scelta finale deve sempre spettare al futuro proprietario.

Lo spazio
Prima di scegliere il modello e di iniziare la fase di progettazione di una nuova cucina, bisogna sempre fare i conti con le effettive disponibilità di spazio.
Affidarsi a un professionista è fondamentale: la sua esperienza e i suoi consigli vi consentiranno di trovare la soluzione ideale, facendo attenzione a ogni singolo dettaglio (anche a quelli che non avreste magari considerato).
Più l’ambiente è ridotto, maggiore sarà l’abilità necessaria a disporre gli elementi fondamentali (piano cottura, lavello ed elettrodomestici) in modo funzionale e strategico, così da facilitare le attività di preparazione e cottura dei cibi.
Nello stesso tempo, bisognerà privilegiare invece soluzioni di design più moderne e funzionali in grado di adattarsi agli spazi più ridotti, come le cucine ad angolo, le pareti attrezzate o le ante a scomparsa.
Se la casa ha il soffitto basso (o è una bellissima mansarda con travi a vista) sarà fondamentale prendere bene le misure poiché i mobili andranno realizzati su misura.
In caso di ambiente unico, come un loft o una cucina open-space, è consigliabile l’utilizzo di soluzioni divisorie (pareti o muretti attrezzati) e arredi a scomparsa. La cucina, inoltre, deve sempre essere progettata in linea con l’arredo del soggiorno. A tal fine, Arredamenti Parolari offre una vasta selezione di poltrone, divani, librerie, tavoli e sedie per arredare con gusto e qualità il living.

Le esigenze e il comfort
Il modello di cucina, così come la disposizione dei singoli componenti di arredo, deve essere ovviamente stabilito in funzione dell’uso che di quello stesso ambiente verrà fatto.
Utilizzerete la cucina tutti i giorni, preparando i pasti in casa per poi gustarli in famiglia oppure, per esigenze di lavoro o semplice praticità, passerete poco tempo dietro ai fornelli, mangiando quasi sempre fuori?
La risposta a questa domanda influenzerà notevolmente la misura dell’investimento.
Se amate cucinare, nel decidere la disposizione dei vari moduli, bisognerà tener conto delle varie fasi di lavoro, in modo da semplificare e velocizzare le operazioni di preparazione e cottura degli alimenti, riducendo al minimo gli spostamenti. Dunque, nell’ordine, avremo, frigorifero e dispensa, lavello, piano cottura e fornelli. Se cenate quasi sempre in ristoranti, invece, sarà preferibile un modello di cucina più essenziale.
Pari attenzione dovrà essere riservata alla dimensione del forno, che dipenderà dallo spazio disponibile e dalla collocazione degli attacchi di luce, gas e acqua.

Materiali
La scelta dei materiali e delle rifiniture è fondamentale.
A seconda del budget e dell’uso, il Consulente di fiducia vi consiglierà la soluzione più adatta, tenendo conto delle ultime novità nel settore.
Per il piano di lavoro, ad esempio, il miglior prodotto è il quarzo, resistente al calore, agli olii e ai comuni acidi domestici, con proprietà antimacchia e antigraffio, a ridotto assorbimento di liquidi e… facile da pulire.
Tra le soluzioni alternative, laminato, marmo e acciaio.

Colori
Per progettare un ambiente armonico, è fondamentale bilanciare colore e luce, sia naturale che artificiale, anche nella percezione dello spazio. Colori chiari (e luce soffusa) tendono ad ampliare l’ambiente, comunicando una sensazione di maggior superficie, colori scuri (e luci fioche) invece lo riducono, costringendolo.
Gli esperti del settore consigliano di non basarsi esclusivamente sulle mode (che per definizione, prima o poi, passano), ma di scegliere colori neutri, che richiamano il legno, compatibilmente con i gusti personali. I colori chiari e brillanti non appesantiscono e raramente stancano, contribuendo a creare un ambiente caldo, confortevole e accogliente.
Fondamentale, inoltre, è creare un certo equilibrio, preferendo toni più scuri per il pavimento (superficie deputata a sostenerci) e tinte più chiare per le pareti (che ci delimitano e contengono).
I colori troppo scuri inoltre assorbono molta energia e, a lungo andare, contribuiscono ad aumentare i consumi.

Elettrodomestici
Il primato dei consumi casalinghi spetta a frigoriferi e congelatori, che assorbono quasi il 30% dei consumi di ogni abitazione, seguiti da forno, friggitrice, tostapane, microonde e forno elettrico.
Per risparmiare spazio (e denaro), è consigliabile optare solo per gli elettrodomestici realmente necessari e, laddove possibile, scegliere il formato XS. Una scelta strategica può ad esempio consistere nel preferire, al piano cottura tradizionale, i fornelli a induzione.
I consumi casalinghi possono essere ulteriormente ridotti scegliendo prodotti ad alta efficienza energetica, di classe A+, A++ o A+++: complementi di arredo in grado di ottimizzare le prestazioni, riducendo gli sprechi di energia. Arredamenti Parolari offre soluzioni che consentono addirittura di controllare i consumi energetici di luci ed elettrodomestici, facilitandone la gestione.
Perché non approfittare della tecnologia smart? Apparecchi in grado di comunicare con il vostro Smartphone o Tablet tramite apposita app, tra cui forno, frigo e lavastoviglie.

Illuminazione
Attenzione ai punti luce, siano essi naturali o artificiali.
Ogni modello andrà contestualizzato, visualizzandolo all’interno dell’ambiente desiderato. In ogni cucina, inoltre, tre aree dovranno essere sufficientemente illuminate: lavello, piano di lavoro e angolo cottura.
Più in generale, è consigliabile un’illuminazione “a livelli”, che consiste nell’utilizzo di punti luce differenti a seconda dell’area che andranno ad illuminare, senza produrre ombre. Per il soffitto, l’ideale è un lampadario o plafoniera centrale in grado di diffondere luce soffusa per tutto l’ambiente, mentre per le zone sottopensile è preferibile il ricorso a faretti spot orientabili o ad incasso, anche a LED.

Da Arredamenti Parolari gli esperti in progettazione e arredamento sapranno consigliarvi la soluzione più adatta alle tue necessità, procedendo anche con sopralluoghi per valutare spazi, effettuare i necessari rilevamenti e fornire adeguato supporto per gli attacchi elettrici e idraulici.

Contattateci subito per un preventivo gratuito.

Category:
  Blog
this post was shared 0 times
 000
About

 superadmin

  (9 articles)