I 100 anni della Parolari Arredamenti

A Lecco il settore dell’arredamento è legato da cent’anni all’attività del mobilificio Parolari, tuttora presente nelle sedi espositive di via Volta e viale Turati. Originari di Ardesio, in Val Seriana, i Parolari giunsero nella conca lecchese intorno al 1802 con Antonio Pellorali (il cui cognome variò poi in Parolari) in cerca di maggiori possibilità lavorative.

Antonio era “carrettiere”, specializzato nel trasporto di materiali, e si stabilì a Castello in un periodo molto vivace e propositivo per lo sviluppo dell’economia locale. Suoi primi “clienti” furono i Baroni di Laorca, i Bussola di Castello e i Dozio di Lecco, esponenti della ricca borghesia commerciale. Tra i figli di Antonio, Alessandro Parolari fu quello che sviluppò maggiormente il mestiere paterno. Quando da metà Ottocento si affermarono localmente diversi laboratori specializzati nella produzione di mobili, egli sviluppò la sua attività passando dalla movimentazione di merci, granaglie, pietre e legname, a quella dei lussuosi arredi che richiedevano maggior cura negli spostamenti.

Da “carrettiere” divenne “vetturale” perché, oltre al trasporto di materiali, forniva anche servizi di viaggio per le persone, coadiuvato dal figlio Giovanni Antonio. Nel 1911 quest’ultimo, ormai settantenne, registrò alla Camera di Commercio di Lecco la ditta di trasporti fondata oltre cent’anni prima dai suoi avi, battezzandola col proprio nome. Il fratello, Giovanni Parolari, invece, nel 1924 registrò la ditta “Parolari Giovanni” fondata nel 1920, per l’attività di “negoziante di mobili e rigattiere” ma è assodato che, già negli anni precedenti, egli si dedicava a tale attività.
Quindi, da sempre, si è ritenuto il 1915 l’anno in cui i Parolari entrarono nel settore dell’arredamento, dove risultò fondamentale la loro centenaria esperienza nel mondo dei trasporti.

Dalla primitiva sede del laboratorio in piazza Muzzi (l’odierna via Sassi), l’attività fu presto ampliata con un nuovo magazzino in via Cattaneo e un negozio per la vendita dei mobili in via Mascari. La ditta fu poi trasferita in via Cavour (attuale Isolago) dove trovarono posto un grande laboratorio e ampie vetrine espositive. Nel 1927 l’attività passa nelle mani di Francesco Parolari, figlio di Giovanni e, successivamente, nel 1945 a Parolari Giovanni, primogenito di Francesco.

Fu in questo periodo che il mobilificio visse il periodo “d’oro” del Secondo Dopoguerra, quando con la ripresa economica e il mutare delle abitudini quotidiane e domestiche, il settore dell’arredo conobbe grandissimo e rapido sviluppo. Il 22 Febbraio 1955 il laboratorio di via Cavour fu distrutto da un incendio. Un evento negativo che però non scoraggiò il titolare che riorganizzò rapidamente l’attività, mantenendo le vetrine di via Cavour e spostando provvisoriamente il laboratorio a Olginate. Già alla fine del 1955 diventano operativi il laboratorio e la sede di via Sondrio, tuttora centro della ditta con l’apertura, negli anni seguenti, dei negozi di via Volta e viale Turati.

Oggi la Parolari Mobili e Arredamento, con alle spalle ormai cent’anni di esperienza nel settore, è diretta dall’Arch. Marco (figlio di Giovanni), che continua con competenza e passione una lunga tradizione
imprenditoriale iniziata oltre due secoli fa.